Sugli asfalti a Castello, tra interventi fatti e priorità per il futuro!

strisce-pedonali-strane-06

Visto che mi son lanciato in una serie di post riassuntivi su quanto fatto nel 2016 dalla nostra amministrazione, non posso non parlare degli innumerevoli interventi di rifacimento del manto stradale.

Già nel 2015 avevamo investito una somma ingente, 200 mila euro per sanare alcune situazioni che ricorderete erano davvero difficili. La tristemente nota Via Mazzini in primis. Di seguito i lavori del 2015 (Asfalti a Castello. Fine della prima tranche di lavori!).

Come scritto nel post precedente a fine 2015 abbiamo deliberato, grazie allo sblocco del patto di stabilità e con il voto unanime del Consiglio Comunale, una seconda tranche di 250.000€ di asfalti a cui in corso d’anno se ne sono aggiunti altri per poco meno di 40.000€.

La ratio di questi interventi è stata la stessa della prima tranche, ovvero dare priorità alle strade con il manto stradale più deteriorato e a quelle strade che a parità di gravità della situazione hanno il maggiore flusso di traffico.

Oltre ai nostri interventi abbiamo ottenuto da ANAS l’asfaltatura di diversi tratti di Via Emilia che vanno così a migliorare la sicurezza e l’impatto sonoro dell’arteria stradale.

Gli interventi oggetto di asfaltatura che abbiamo realizzato direttamente sono:

VIA GAMBARELLI, VIA FORNASARI, PIAZZA CAMERINI, VIA RONDANINI, PIAZZA BORGHI, VIA ROMA, VIA MATTEOTTI, VIA TURATI, VIA CAPRA, VIA SILVESTRINI, VIA CANALE (con realizzazione dosso), VIA PAOLINE LESINA, VIA VALDRE’, VIA PIANCASTELLI e la riqualificazione completa di Piazzale Roma, compreso il tratto di ciclo pedonale (il 4°/4°) dell’anello mancante, diventato celebre per il suo “tappeto rosso” che nonostante questo è molto apprezzato.

Su Piazzale Roma da segnalare anche l’installazione dell’illuminazione LED e la riorganizzazione del parcheggio con minori accessi, un dosso e una maggiore sicurezza e fluidità di manovra.

Per il 2017 l’obiettivo è quello di continuare su questa strada intervenendo in maniera forte sulle piste ciclabili e i percorsi pedonali, con l’obiettivo di metterli in sicurezza, sempre all’interno di quel progetto di medio – lungo termine di cui parlavo nello scorso articolo ” Via della Resistenza, un altro passo verso una maggiore competitività dell’area artigianale e industriale. “.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...